SvoltaStudenti per il terremoto

  • Fabio Frassini

« Voi darete all’Italia Ingegneri, Architetti »

Sen. Carlo Matteucci

Ancora non siamo né ingegneri né architetti ma intanto facciamo il possibile. Carlo Matteucci non ce ne voglia, ma bisognerebbe aggiornare questa citazione aggiungendo anche i designer!

Un tiepido pomeriggio di fine maggio, di quelli dediti allo studio matto e disperatissimo che precedono la sessione estiva. Arriva la conta dei danni dell’ennesima scossa in Emilia e quasi in contemporanea Cosimo piomba nell’ufficio di Svolta (ma per gli amici auletta=) ): “Ragà dobbiamo fare qualcosa!”.

Non serve aggiungere altro. Il tempo di organizzarsi, fare un po’ di brainstorming, scoprire che non possiamo maneggiare né cibi (non confezionati) né alcolici (niente Lambrusco e niente Parmigiano mannaggia! ) siamo in pista.

Tra Marianna che chiama per le autorizzazioni e Andrea che si informa sulle ONLUS, in pochi giorni siamo riusciti a mettere in piedi il nostro progetto di solidarietà. Abbiamo comprato 500 merendine a fondo perduto da regalare in cambio di un’offerta libera, l’intero ricavato andrà ad un bonifico per la protezione civile in favore dei terremotati in Emilia.

Giovedì abbiamo rincorso studenti e professori per dar voce alla nostra causa. E la maggior parte delle persone ci ha aiutato, chi con 1€, chi con 10€.(GRAZIE A TUTTI!).

In 4 ore abbiamo rimediato 412€, ma facciamo finta che siano 500 e noi dell’associazione raddoppiamo la cifra, arrivando ad un assegno di 1000€. La voce si è sparsa a tal punto che molti ragazzi, perfino dalla statale ci chiedono l’iban per partecipare alla colletta.

Quindi abbiamo deciso di mantenerla aperta fino alle 24 di lunedì 11 giugno, i soldi raccolti andranno a sommarsi ai 1000€.

Il motivo per cui abbiamo deciso di fare questa raccolta è per fare una donazione a nome degli studenti del Politecnico di Milano, università nella quale, dopo il terremoto d’Abruzzo, sono confluiti molti studenti dell’università dell’Aquila e che ospita anche molti studenti emiliani, umbri, marchigiani e molisani che hanno una viva memoria delle tragedie dei terremoti.

E’ un gesto di solidarietà per l’Emilia, un gesto per rappresentare gli studenti suddetti ma soprattutto è un gesto per dire: noi non siamo indifferenti!

L’IBAN è IT62B0569601620000010264X03 il beneficiario è SvoltaStudenti, come causale: donazione per terremoto per emilia romagna.


“Ai terremoti non v’è rimedio alcuno. Se il cielo ci minaccia con le folgori, pure si trova scampo nelle caverne. Ma contro i terremoti non vale la fuga, non giovano nascondigli… ”“Ai terremoti non v’è rimedio alcuno. Se il cielo ci minaccia con le folgori, pure si trova scampo nelle caverne. Ma contro i terremoti non vale la fuga, non giovano nascondigli… ”

Francesco Petrarca, Secretum, dialogo 91, dopo il terremoto del 1349

Alle 04:02 di sabato 20 maggio molti di noi stavano dormendo, alcuni tornavano a casa devastati dalla movida milanese e altri ancora erano a casa su facebook o a guardare un film; quando le lancette si sono spostate ad indicare le 04:03 tutti hanno sentito la Terra tremare: chi dormiva si è svegliato, chi tornava a casa ha iniziato a pensare: “Sono troppo ubriaco oppure c’è un terremoto!?!”, ma forse qualcuno non se n’è accorto.

Superati quei pochi secondi ognuno di noi ha cercato di capire quale fosse l’epicentro tramite i vari canali d’informazione, scoprendo che la zona maggiormente colpita era stata l’Emilia Romagna.

Un terremoto di magnitudo (Ml) 5.9 è avvenuto alle ore 04:03 italiane del giorno 20 maggio 2012. Il terremoto è stato localizzato dalla Rete Sismica Nazionale dell’INGV nel distretto sismico denominato Pianura Padana Emiliana.

INGV

L’indomani i telegiornali hanno iniziato a proiettare le immagini del devasto nei vari paesi colpiti.

In quel momento ci siamo resi conto che molte erano le persone senza una casa, senza più un lavoro e molti gli anni di storia andati persi. Da quel giorno le scosse non sono finite, anzi aumentano sempre di più.

Allora noi di SvoltaStudenti abbiamo deciso di raccogliere la voglia di sostenere gli amici emiliani che si respirava nell’aria al Politecnico, organizzando una raccolta fondi, “Svolta per il Terremoto”, offrendo una merendina in cambio di un’ offerta.

Girando tra le vie del Poli, ricevendo rifiuti e complimenti e ascoltando racconti di chi ha vissuto un’altra strage dettata dalla natura come quella in Abruzzo o in Molise, siamo riusciti a raccogliere ben 412 €. SvoltaStudenti ha deciso di raddoppiare, o meglio ha deciso di “arrotondare per eccesso” questa cifra, devolvendo altri 588€ e facendo quindi un bonifico di 1000 € a favore della Regione Emilia Romagna, come consigliato sul sito della Protezione Civile.

Questo vuole essere il nostro modo di ringraziare e amplificare il messaggio degli studenti del Politecnico di Milano che, tutti insieme, hanno voluto mandare un messaggio agli emiliani: “SIAMO TUTTI CON VOI!”.