LE MILLE DOMANDE CHE GLI STUDENTI SI FANNO SULLA NUOVA SCUOLA

  • Laura Olivastri
  • Francesca Coffano

1)”AUIC”?

Il nome abbreviato significa Scuola di “Architettura Urbanistica e Ingegneria delle Costruzioni”.Questa nuova scuola raccoglie infatti le vecchie scuole di Architettura Civile, Architettura e Società ed Ingegneria Edile-Architettura, alla quale sono raccordati i dipartimenti DAStU, ABC e DICA.

2) QUANDO?


La scuola AUIC si è ufficialmente formata il 1° Gennaio 2016: va fatto notare che però questo primo anno rappresenta un periodo di transizione e quindi tutti i nuovi regolamenti e le definizione dei dettagli, esami e tutto quanto concerne la formazione della nuova scuola saranno attivi a partire dall’anno accademico 2016-2017.

3)PERCHE’?


La scuola nasce per fronteggiare due motivazioni essenziali. Innanzitutto nasce dalla necessità di ridurre il numero di ingressi: questo perché, analizzando infatti la richiesta del mercato successivo alla laurea, si vuole garantire ad ogni nostro laureato la possibilità di trovare lavoro al termine del percorso di studio. In secondo luogo, tramite l’unione di differenti preparazioni quali architettura, urbanistica e ingegneria, si vuole porre un innalzamento della qualità di formazione, andando ad eliminare quelle situazioni di sovrapposizioni evidenti di corsi che prima esistevano. Il miglioramento della preparazione è dettata dal fatto che gli studenti avranno ora la possibilità di confrontarsi con attività trasversali alle differenti discipline che compongono la scuola, come ad esempio i workshop o i corsi opzionali che consentiranno un confronto con preparazioni differenti dalle proprie.

4) POTENZIAMENTI?


La nuova scuola consente, tramite queste attività trasversali e un più semplice coordinamento interno, la possibilità di elevare il livello di internazionalizzazione, grazie alle maggiori possibilità per gli studenti che desiderano approfittare delle opportunità di Erasmus e ad un maggior numero di corsi tenuti da Visiting Professor.

5) COSA CAMBIA?


Per gli studenti che hanno già iniziato il loro percorso universitario, in una delle precedenti scuole, non cambia nulla. I corsi di studio verranno infatti mantenuti ed ogni studente potrà concludere il percorso iniziato. Verranno predisposti infatti dei corsi di recupero per gli studenti che dovranno effettuare laboratori di anni precedenti andati ad esaurirsi e vi sarà possibilità di sostenere gli esami dei corsi opzionali qualora questi non fossero più disponibili. Un altro punto forte della nuova scuola è l’intento di migliorare la gestione dei tirocini: si vogliono portare nell’ambito Politecnico grandi studi professionali sia per gli architetti che gli ingegneri della nuova scuola.

6) INFORMAZIONI?


E’ stato predisposto dalla nuova scuola un sito specifico www.auic.polimi.it, un’interfaccia semplice dove è possibile reperire tutte le informazioni necessarie inerenti ai singoli corsi di studio che compongono la nuova scuola, documenti e tutti i contatti a cui rivolgersi per informazioni e chiarimenti, tra cui anche i contatti dei rappresentanti degli studenti.   Laura Olivastri (Ingegneria Edile – Architettura) & Francesca Coffano (Architettura)Rappresentanti in seno alla Giunta della nuova scuola AUIC